Per cosa mi impegno

Per garantire che Modena rimanga una città che guarda al futuro facendo tesoro del proprio passato, mantenendo intatto il sistema di valori su cui si è fondata fino ad oggi e valorizzando la cultura del fare e i saperi che hanno sviluppato i prodotti (materiali e immateriali) ci hanno resi famosi in tutto il mondo.

Mi impegno quindi per fare di Modena:

una città che sa valorizzare ancora di più le sue eccellenze ed esportarle nel mondo, dai prodotti della ricerca universitaria a quelli dell’artigianato e dell’industria, attraverso collaborazioni internazionali e favorendo la partecipazione a progetti che possano dare a Modena una dimensione europea e mondiale;

una città che sa ascoltare ancora di più i suoi cittadini e dialogare con loro per fare di Modena il luogo in cui tutti possano sentirsi a casa, favorendo la realizzazione di progetti di democrazia partecipata, a cominciare dai quartieri, con le loro peculiarità e i loro bisogni;

una città che considera la pluralità un valore aggiunto per la crescita, personale e della comunità, attraverso progetti di reale integrazione e di conoscenza reciproca, declinati in momenti di incontro e di aggregazione che possano valorizzare le diverse realtà culturali della città;

una città che si prende sempre più cura dei suoi abitanti e fruitori, soprattutto di quelli più fragili, attraverso l’abbattimento delle barriere architettoniche e la valorizzazione dell’associazionismo, soprattutto di volontariato e promozione sociale.